Capitolo VII
I secondi anni Settanta (1974-1979)

INTRODUZIONE

Con la Presidenza del geom. Donzellini l'U.S. Governolese sfiora di nuovo la promozione in II░ categoria nel campionato '77-'78. A fýne stagione solo lo spareggio promozione, perso per 1-0 con la Sarnbenedettina del Dr. Vincenzo Ghidini, impedisce ai rossobl¨ di salire di categoria. Un anno dopo, nel 1979, viene chiamato alla Presidenza l'attuale Presidente Onorario della SocietÓ, ossia il Dr. Cerutti Materno che, coadiuvato da validissimi collaboratori come Natale Carra, Gianfranco Previdi, Enzo Bianchini, Williarn Negri, Alfonso Bulgarelli, Cesare Taffurelli, Geom. Armando Cavicchini, Dino Cavicchini, Vittorino Silvestri, Daniele Lodi e Gianni Turci, pone le basi per un avvenire luminoso chiamando ad allenare la squadra Marco Brogiato, giovane trainer emergente proveniente da Casteldario. Dal vivaio rossobl¨ esce il bomber Trombini che disputerÓ negli anni seguenti, campionati ad altissimi livelli. Si mette in luce pure il giovane e velocissimo terzino di fascia Barbieri che in seguito verrÓ ceduto alla Poggese.

NOTE TRISTI: Scompare improvvisamente Pietro Vicini alla cui memoria verrÓ intitolato il campo sportivo di Governolo per la grande passione profusa sia come giocatore che come allenatore e tifoso della squadra.

 

Elenco dei campionati disputati in quell'epoca :
Stagione 1974-1975    Campionato di II░ Categoria  Quinto classificato
Stagione 1975-1976    Campionato di II░ Categoria   Terzo classificato

Stagione 1976-1977    Campionato di II░ Categoria    
Stagione 1977-1978    Campionato di II░ Categoria   Terzo classificato
Stagione 1978-1979    Campionato di II░ Categoria
   

Campionato 1975-1976 Terzi classificati

1975.jpg (16884 byte)

In piedi: Bazziga, Ghiselli, Donatelli, Chiarentin, Dicembrini, Giovannini, Zampolli V.,
             Grossi, presidente dr. Giovannoli
Accosciati: Pigari, Trombini, Pelizzaro, Ongaro, Barbieri.

CuriositÓ:  
Nella stagione '75-'76 il rinnovato consiglio direttivo, con alla testa il Presidente Dott. Leonardo Giovannoli, da il via a ad una serie di iniziative che fanno ritornare l'entusiasmo dei tempi d'oro. Viene completamente rinnovato il campo sportivo con la creazione del nuovo impianto di illuminazione, l'ampliamento e il restauro dei vecchi spogliatoi. Sul fronte sportivo si procede al rinforzo della squadra con l'appoggio, dopo molti anni, di uno sponsor, la Pavimenti Rebuzzi di Barbasso che permette l'acquisto, tra gli altri, del forte centravanti Boni dal Gonzaga, dell'arcigno mediano Grossi dalla Casteldariese, insieme al ritorno di Valentino Zampolli, proveniente dalla serie D, nel ruolo di libero. Durante la tradizionale Fiera di Sant'Agostino viene organizzato il primo quadrangolare a cui partecipano Sustinente, San Benedetto Po, Vigor Cam e Governolo, torneo aggiudicato poi al Sustinente. L'obiettivo non dichiarato Ŕ la vittoria del campionato ed in effetti l'organico giÓ robusto, acquista ancora maggior spessore, in particolare in attacco, dove l'opportunismo di Pelizzaro, unito alla micidiale potenza di tiro di Boni (autore di una tripletta contro il Luzzara nella partita del 15.12.75) spingono la squadra fýno al terzo posto in classifica, poi una serie di pareggi e la sconfitta con la capolista Riese, fanno scivolare la squadra a metÓ classifica. Poi, come spesso accade con il cambio dell'allenatore da Bacchi a Trevisani, il rendimento torna ad essere pi¨ che positivo, tanto Ŕ vero che il Governolo costruisce proprio fra le mura amiche uno splendido girone di ritorno abbattendo, una dopo l'altra, tutte le formazioni che inseguono la Riese: 6-0 alla Novese con due doppiette siglate da Boni e Pelizzaro; 3-0 al Novellara di Gnocchi e Catelli; 2-1 sulla Casteldariese e infine la vittoria per 1 a 0 fuori casa in quel di Poggio. Ad una giornata dalla fine del campionato il Governolo Ŕ terzo in classifica con il secondo miglior attacco e difesa. E' da segnalare il debutto in questa stagione di alcuni giovani destinati a diventare i pilastri della squadra degli anni '80: parliamo di Daniele Trombini e del portiere Marco Caleffi tuttora attivissimo all'interno della societÓ dove riveste la carica di direttore sportivo.